Il setting 2


Il setting e il ruolo professionale.

Il setting è un contenitore di senso dell’organizzazione dello spazio e dei posti a sedere così come del luogo in sè. In psicologia dipende dall’approccio teorico.

E nelle professioni sociali?

E il ruolo è dato dal luogo?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Il setting

  • Anna Lucia caccia

    Condivido il concetto di appropriatezza del setting. Lavorando il un servizio pubblico, unica assistente sociale, ho fato colore ed emozione al posto dove lavoro. In questo modo ho provato a renderlo accogliente per le vari particolarita di utenza. Sono convinta che molto della relazione di aiuto si gioca all’interno del setting e di quanto le persone si sentano a loro agio. Poi esso può cambiare e ben venga se tutto ciò ne va a buon fine per la presa in carico. Le colleghe che si arroccato nell’ufficio, pensando che quello è l’unico solo posto dove poter operare, bloccano l’evoluzione del lavoro e della professione. Poi non si debbono lamentare. Il nostro lavoro è in continua trasformazione ed occorre mettersi in riga con il tempo e con le richieste di aiuto