La documentazione professionale


Torna la rubrica gli ospiti del lunedi del blog di Assistente sociale privato.

Francesca codazzi parla della documentazione professionale

LA DOCUMENTAZIONE COME STRUMENTO PROF.LE DEL SERVIZIO SOCIALE
aspetti teorici, pratici … e amministrativi
… p.d.v. teorico
Il termine documentare deriva dal latino e significa TRASMETTERE IN FORMA SCRITTA
informazioni, notizie PER ACCRESCERE CONOSCENZA, quindi per conoscere qualcosa di
nuovo.
DOCUMENTARE è un insieme di attività e di operazioni CONCRETE per raccogliere e classificare
materiale di vario tipo …
è QUINDI UNA RACCOLTA ORGANICA, RAZIONALE E COMPLETA di tutte le informazioni che
possiamo acquisire, info anche OPERATIVE utili ed utilizzabili per lo svolgimento e la
rappresentazione delle attività prof.li che facciamo.
Da un punto di vista org. e amm.vo, la DOC è un punto nodale delle e nelle istituzioni in riferimento
alle professioni, alle metodologie, alle scelte dei quadri di rif. teorici, per STORICIZZARE IL
LAVORO.
NEL CONCRETO la documentazione può divenire strumento per programmare e verificare l’attività
professionale, per attivare ed attuare un processo di aiuto, per impostare progettualmente le
singole fasi, per sviluppare le funzioni prof.li rispetto ai processi di cambiamento nel/della politica
sociale, dei servizi e delle istituzioni.
INOLTRE, la documentazione è la BASE EMPIRICA per la teorizzazione degli interventi e serve
anche per aggiustare il tiro delle azioni messe in campo.
Detto tutto ciò, va evidenziato che per fare quanto detto SERVE l’elaborazione PUNTUALE della
documentazione per trasformare le info e i dati in materiale riutilizzabile, aggiornabile e quindi
SOCIALIZZABILE.
Infatti SI USA LA SCRITTURA per osservare e per mantenere memoria delle osservazioni fatte
così l’esperienza diventa condivisibile: la documentazione è uno strumento comunicativo….
NELLA PRATICA la documentazione è uno STRUMENTO TRASVERSALE: viene attivato con la
prassi e si correla operativamente con i diversi strumenti utilizzati nella prassi es. quelli del proc. di
aiuto (colloquio/registrazione colloquio, lavoro di gruppo/verbalizzazione, fase del contratto/
redazione del contratto)
Da un punto di vista sia teorico che pratico, possiamo classificare la documentazione del SSP
attraverso diversi sistemi:
1) documentazione di esercizio, operativa, tecnico-prof.le
3) di governo
4) documentazione amm.va
1) DOCUMENTAZIONE OPERATIVA, DI ESERCIZIO – è quella TECNICO PROF.LE
– rappresenta il processo di aiuto, facilita l’individuazione di soluzioni e a tenere sotto controllo
l’intervento prof.le e il progetto di aiuto
– ha funzione di valutazione e monitoraggio, è una guida operativa, documenta l’autoriflessione e
serve per la riflessione condivisa con altri operatori.
– serve per raccogliere i dati, organizzarli e selezionarli in relazione alla situazione e all’obiettivo
dell’intervento (anche in merito alle decisioni da adottare).
– Documentare è anche fare SINTESI operativa che aiuta a dare senso e orientamento e a
lavorare con metodo.
– è quella specifica dell’AS, ad es. cartella di SSP, diari, progetti di aiuto, registrazioni colloqui,
verbali di lavoro con gruppi e comunità, relazioni di varia destinazione (vs interno ed esterno, per il
caso, per l’analisi e valutazione di aspetti particolari del lavoro, delle risorse e dell’ambiente)
mappe delle risorse
2) DOCUMENTAZIONE DI GOVERNO
– riguarda l’organizzazione della struttura in cui è inserito il servizio sociale.
– le info servono per la programmazione e per la valutazione dei progetti,
– ma anche per la programmazione organizzazione e amministrazione dei servizi: risposte
organizzate, dinamiche, flessibili in relazione ai dati rilevati
– comprende dati e informazioni necessarie per l’operatività a livello di coordinamento: regolamenti,
piani, istruzioni, progetti, protocolli operativi
– è utile anche alla politica sociale a livello locale per concorrere alla riorganizzazione dei servizi e
delle prestazioni sulla base delle rilevate, riscontrate e documentate variabili
3) c’è anche una DOCUMENTAZIONE AMM.VA che serve per comunicare informazioni dentro e
fuori l’organizzazione.
possiamo citare le relazioni per proporre l’erogazione di una prestazione o dare l’accesso al
servizio, doc per il lavoro intra ed interprofessionale e interorganizzativo, come i protocolli e le linee
guida che servono per rappresentare il processo di aiuto svolto insieme ad altri professionisti e/o
altri servizi.
da un p.d.v. ORGANIZZATIVO
la documentazione:
– è uno strumento di comunicazione DELLA, PER LA E NELLA ORGANIZZAZIONE che facilita i
processi comunicativi: ha un fine conservativo delle comunicazioni nel tempo
– è strumento di trasparenza dell’azione professionale
– è un mezzo che garantisce la qualità dei servizi
– è utile per il monitoraggio della domanda, dei problemi sociali, degli interventi, dei risultati
– è un mezzo per verificare l’esito delle azioni intraprese
– è memoria e archivio dell’intervento per il professionista
– ha un carattere retrospettivo
– e può facilitare la ricomposizione dei diversi punti di vista
– può dare continuità al lavoro anche in caso di turnover degli operatori
Per il SSP documentare è fondamentale poiché il servizio agisce in un org. amm.va che usa la
forma scritta per trasmettere info, atti, regolamenti.
– va tenuto conto che la documentazione di SSP NON È una variabile indipendente, poiché opera
all’interno di contesti organizzativi e da questi è influenzata: va tenuto conto (come dice Bini 2003)
che nelle organizzazioni di SS vi sono vi sono atti che escludono la componente professionale e gli
atti esclusivamente prof.li
nel SSP la documentazione può FAVORIRE dei PROCESSI
– sia di verifica e di controllo della propria azione: verifica è atto che mette in rapporto situazioni
diverse, oggettiva le cose, descrive i cambiamenti
– sia di valutazione: sviluppa lavoro di analisi e giudizio, mette in gioco la soggettività prof.le,
fornisce giudizi professionali tecnici sui cambiamenti
VERIFICA E VALUTAZIONE RENDONO SCIENTIFICO IL LAVORO PROF.LE e per controllare
che la propria attività risponda ai fini stabiliti e alle attese dei beneficiari degli interventi.
possiamo tenere conto di alcuni STIMOLI PER DOCUMENTARE IN MODO ADEGUATO, utile e…
con risparmio tempo?
1) la FORMA: bisogna tenere a mente che ogni documentazione deve avere un contenuto, un
destinatario (soggetto) e un fine. il linguaggio va adeguato al destinatario per farsi comprendere
adeguatamente
2) CONTENUTO: cosa voglio comunicare o chiedere (registrazioni di colloquio, anamnesi,
rilevazioni diagnostiche, piani, proposte e prog. di lavoro, relazioni, inchieste socio familiari,
consulenze ad altri sogg/enti)
INFO CHIARE, COMPRENSIBILI, CORRETTE, PERTINENTI, IDONEE E ADEGUATE
obiettivo: avere un’efficacia comunicativa e una chiarezza espositiva
3) SCEGLIERE IL MODO e il MEZZO per comunicare in base al destinatario
4) IL FINE: perché scriviamo? perché vogliamo comunicare proprio quel contenuto? qual è la
richiesta e/o lo scopo di ciò che scriviamo (es. informare, analizzare, proporre, istruire pratiche,
raccogliere info predisporre piani di intervento)? IL MODO DI SCRIVERE E IL CONTENUTO
VARIA IN BASE AL DESTINATARIO E AL MOTIVO PER CUI SI SCRIVE
FACCIAMO SINTESI
La documentazione una forma di comunicazione che invece di utilizzare i canali verbali e
analogico usa strumenti indiretti: il vantaggio è di conservare i contenuti comunicativi nel tempo.
Documentare è anche una possibilità di dialogo tra professionisti riflessivi, per diffondere un
sapere prof.le utile ad introdurre un linguaggio comune a diversi livelli (operativi, gerarchici, ecc.)
Si sente l’esigenza di avere strumenti idonei per “annotare” ciò che si fa e gli obiettivi che ci si
propone; non sempre nei servizi si trovano strumenti idonei a documentare in maniera adeguata.
Spesso c’è raccolta di notizie a “uso e consumo” del singolo operatore, che però sono inadeguati a
una socializzazione delle stesse.
Considerato che la documentazione
– è uno strumento che consente l’esercizio della professione sia in termini di raccolta che di
diffusione e gestione dell’informazione sociale
– e può aiutare allo sviluppo disciplinare della professione (perché fornisce gli elementi conoscitivi
ed esperienziali per teorizzare e socializzare le acquisizioni metodologiche e conoscitive e può
supportare percorsi di formazione permanente e si supervisione tecnico-prof.le)
–> è necessario che diventi un’attivitià sistematica e programmata che accompagna tutte le fasi
del lavoro sociale…
Voi che dite? è fattibile?
le variabili tempo e carico di lavoro non sono state intenzionalmente citate…

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *