La residenza: #gliospitidellunedì


Nella rubrica #gliospitidellunedì nel blog #ilnudodelre Francesca Codazzi ci spiega la normativa riguardante la residenza abituale e il domicilio.

La residenza viene definita come il luogo in cui la persona ha la dimora abituale;

il domicilio viene identificato come la sede principale di affari e interessi dell’individuo.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Per chi fa l’assistente sociale è fondamentale avere conoscenza di alcuni aspetti amministrativi rilevanti per favorire l’accesso dei cittadini ai servizi, per orientare nel modo più opportuno possibile e agevolare la fruizione dei diritti.

Il tema della residenza può apparire banale…e altrettanto non lo è perchè prevede differenziazioni.

Sapete ad esempio che non esiste più il domicilio di soccorso?

L’art 30 della L.328/2000 lo ha abrogato e ha individuato nei Comuni l’obbligo di provvedere al ricovero stabile delle persone che si trovano in situazioni di disagio.

La normativa costituzionale 3/2001 assegna alle Regioni la competenza esclusiva per l’interventi dei Servizi Social.

Per erogare le prestazioni, è quindi importante fare riferimento sia alla 328/2000, sia alle normativa costituzionale, sia alle normative regionali.

CERCHI UN CORSO CHE TI SUPPORTI NELLA CONOSCENZA DELLE PROCEDURE? ABBIAMO QUELLO CHE FA PER TE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *