Sanità pubblica e privara #coronavirus


Torna il v-log di Assistente sociale privato, Sara vsentin ci parla del rapporto fra sanità pubblica e sanità privata, in questo momento di crisi, dove complice la mancanza di conoscenze e il panico si rischia di fare confusione.

Il sistema sanitario nazionale nasce con la legge 833/1978 che già prevedeva per la sanità pubblica  tre macro strutture gli ospedali,  il territorio diviso in il dipartimento di prevenzione e servizi sanitari o socio sanitari.

Con la 502/1992 e la 229/99 ribadiscono il concetto che tutti i servizi suddetti si occupano della salute pubblica; screening, vaccinazioni ed epidemie, vengono gestite dal pubblico. sono tutte quelle attività che necessitano di una regia comune, regionale di cui fanno parte i servizi di prevenzione e di igiene

Il privato convenzionato non si occupa di ciò, può essendo accreditato svolgere visite con impegnative.

Il privato poi partecipa alle riunioni per capire le linee guida da percorrere.

Non è il momento di dire quante risorse sono state date, o tolte al pubblico piuttosto che al privato.

Questo aspetto mi sta molto a cuore e lo ritroviamo nel servizio sociale; la professione degli assistenti sociali nasce nel pubblico, ma sempre di più vediamo colleghi che vogliono lavorare nel privato.

Non c’ è sovrapposizione, ognuno ha i suoi doveri lavorativi.

Tra pubblico e privato, in un momento importante come adesso, ma non solo, dovrebbe nasce una stretta collaborazione per rispondere al bisogno dell’utente.

Compiti diverse, ma stesse finalità: il benessere dell’utenza.

GUARDA TUTTI I VIDEO SU YOUTUBE

 

 

 

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *