Bisogni indotti: #gliospitidellunedì


Giulia Viti ci introduce al tema dei bisogni con il suo modo unico e leggero facendoci porre domande. Perchè si sa, è più difficile farsi domande che darsi risposte!

Con oggi parte la rubrica #gliospitidellunedì del Vlog di AssistenteSocialePrivato.

Quali bisogni?

Un’escursione al Rite Aid di Rochester (NY) per parlare di bisogni reali e indotti.

Sappiamo davvero cosa vogliamo e cosa ci hanno insegnato a volere? Siamo consapevoli di quanto la comunicazione influenza le nostre azioni?

Cos’è il coaching?

Il coaching ci insegna che la consapevolezza di chi siamo e coss desideriamo ci fa comprendere quale è la sfera di potere in cui agire di cui parla Covey. Più sappiamo quanto siamo influenzabili, più lo riconosciamo e più siamo anche in grado di muoverci laddove abbiamo realmente potere di modificare le situazioni, di scegliere, di un agire intenzionale che ci faccia sentire bene con noi stessi.

Anche la cura di sè fa parte del gioco. Più ci conosciamo, più sappiamo prenderci cura dei nostri reali bisogni e più riconosciamo i bisogni indotti…poi se decidiamo di scegliere ciò che è indotto perchè ci piace nulla di male!

Qual è la differenza tra il coaching e il counseling o la psicoterapia?

Il Coaching non cura patologie e non si occupa di situazioni di rilevanza sanitaria. Si concetra sul presente e sul futuro. E’ un metodo concreto che attraverso un percorso di scoperta di ciò che si desidera arriva a definire azioni da mettere in atto in un tempo stabilito con la persona o la famiglia.Non crea dipendenza. Al contrario accompagna la persone a essere indipendenti e apprendere un modo di fronteggiamento delle crisi a cui attingere in futuro.

 

GUARDA IL PROGRAMMA DEL CORSO DI FAMILY & SOCIAL COACHING

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *